Che cos’è la bio edilizia?

La bioedilizia è una forma di costruzione sostenibile che mira a ridurre l’impatto ambientale della produzione, dell’utilizzo e dello smaltimento dei materiali da costruzione. Si basa sull’uso di materiali che siano riciclabili, biodegradabili o a basso impatto ambientale, come legno riciclato, fibra di cellulosa e materiali naturali. Utilizza anche tecnologie innovative per ridurre l’inquinamento durante l’intero ciclo di vita dell’edificio. La bioedilizia si concentra su temi quali la riduzione del consumo energetico, l’efficienza termica, la gestione delle acque piovane e altri aspetti ambientali. Inoltre, consente di utilizzare materiali naturali per creare un ambiente interno salutare senza l’uso di sostanze chimiche nocive. La bioedilizia cerca di migliorare le condizioni abitative generali attraverso la conservazione dell’energia, la gestione delle acque piovane e l’utilizzo di materiali riciclati o a basso impatto ambientale per ridurre al minimo l’inquinamento causato dagli edifici. Inoltre, promuove soluzioni che aumentino la qualità della vita all’interno degli edifici, come riscaldamento e raffreddamento efficiente e illuminazione naturale.

Quali sono i materiali della bioedilizia?

Quali sono i materiali utilizzati nella bioedilizia? La bioedilizia è una disciplina che si occupa dello sviluppo di edifici sostenibili, che riducono l’impatto ambientale e forniscono comfort abitativo. I materiali utilizzati nella costruzione di edifici ecosostenibili sono principalmente naturali, riciclati o riciclabili.

Tra i materiali più comunemente usati nella bioedilizia c’è la paglia, un ottimo isolante termico e acustico. Essa viene compressa o utilizzata come intonaco naturale per i muri esterni. È anche possibile realizzare mattoni di terra cruda con la tecnica del fango-paglia, un processo semplice che richiede pochi materiali.

Altri materiali naturali usati in bioedilizia includono il legno riciclato, il calcestruzzo di cemento leggero (LCP) e il cemento a base di calce. Il legno riciclato può essere utilizzato come pannelli da parete, mentre LCP e calce possono essere impiegati come struttura portante per edifici a basso consumo energetico.

La canapa è un altro materiale usato nell’ambito della bioedilizia: le fibre vengono intrecciate per formare pannelli isolanti e tessuti da applicare direttamente al muro o alla struttura portante dell’edificio.

Un altro materiale diffuso in bioedilizia è il sughero: le sue proprietà termiche lo rendono particolarmente adatto come isolante per gli edifici a basso consumo energetico. Inoltre, può essere utilizzato anche come intonaco resistente al fuoco.

Infine, i rifiuti plastici non biodegradabili possono essere riciclati per creare mattoni leggeri che possono essere usati come struttura portante nell’edilizia sostenibile. Questa tecnica consente di ridurre al minimo l’impatto ambientale prodotto dall’utilizzo di materiali non rinnovabili.

Quanto costa costruire in bioedilizia?

Quando si parla di materiali bioedili e di costruire in bioedilizia, la prima domanda che ci si pone è quanto costerebbe. La risposta è che i costi possono variare notevolmente a seconda del progetto. Tuttavia, la scelta di utilizzare materiali bioedili può comportare risparmi significativi in termini di costi e tempi di realizzazione.

In generale, un edificio in bioedilizia può essere più economico da costruire rispetto a uno convenzionale. Ciò può essere dovuto al fatto che i materiali bioedili sono generalmente più leggeri e più facili da lavorare e gestire. Inoltre, poiché la maggior parte dei materiali bioedili sono riciclabili o riciclati, non è necessario acquistare nuovi materiali per la costruzione.

Inoltre, poiché le tecniche e i materiali bioedili sono più ecologici, possono anche portare a un risparmio sulla bolletta energetica. Spesso l’utilizzo di tecnologie come il riscaldamento a pavimento o le finestre ad alta efficienza energetica può ridurre drasticamente i consumi energetici degli edifici.

Mentre alcuni elementi come la struttura portante possono essere più costosi nella bioedilizia, altri elementi come l’isolamento termico possono essere più economici da installare e da mantenere rispetto a quelli tradizionali. Inoltre, molti edifici in bioedilizia hanno anche un minor impatto sull’ambiente circostante.

Tutto sommato, quando si considerano tutti i fattori coinvolti nella realizzazione di un edificio in bioedilizia, i costi totali possono variare notevolmente in base all’ampiezza del progetto. Tuttavia, con l’utilizzo della giusta tecnologia e della giusta pianificazione, gli edifici in bioedilizia possono generalmente offrire un buon rapporto qualità-prezzo.

Case

UNA CASA IN CUI VIVERE AL RITMO DELLA NATURA

Sul Lago Maggiore, Rubner Haus realizza una casa interamente in legno massiccio che riflette i principi della permacultura, un metodo di coltivazione che interagisce armoniosamente con la natura Immersa tra i boschi di Levo, piccola frazione sopra Stresa affacciata sul Lago Maggiore, sorge una casa in legno, autosufficiente e in totale armonia con la natura, […]

Read More
Case

COLORE, SPAZIO E LUCE IN UN GIOCO DI DOPPIE ALTEZZE

Credits: Alberto Franceschi   A Treviso, Rubner Haus firma un progetto architettonico lavorato in leggerezza in soli sei mesi   A pochi chilometri dal centro storico di Treviso, una casa dall’architettura “sciolta e audace”, direbbe Oscar Niemeyer, occupa con leggerezza un terreno di circa 9.000 mq. La struttura tende verso l’alto, come tirata verso un […]

Read More
Case

L’IA traina la rivoluzione del Real Estate

Analisi e previsioni, management, relazione con il cliente: nell’immobiliare l’intelligenza artificiale va oltre la domotica L’esperienza della casa, dalla ricerca alla vita di tutti i giorni, sta attraversando un cambio di paradigma: l’intelligenza artificiale può infatti garantire oggi non solo un’esperienza di ricerca migliorata e innovativa, ma anche un vantaggio competitivo agli operatori del settore, […]

Read More