Il primo passo nella compravendita: “LA PROPOSTA D’ACQUISTO”

La proposta d’acquisto è il primo passaggio contrattuale nell’iter di compravendita di un immobile. Spesso però viene usata impropriamente come uno strumento per concludere la trattativa commerciale: come ad esempio è sovente che un mediatore consigli di procedere con una proposta scritta per stringere i tempi e convincere il venditore a decidersi, ad esempio riguardo ad un abbassamento di prezzo. Forse è proprio per questi motivi che spesso le conseguenze della firma della proposta d’acquisto vengono sottovalutate dal compratore. Il pericolo è quello di trovarsi a sottoscrivere condizioni più vincolanti del previsto, simili a quelle che si assumono in un contratto preliminare di compravendita. Assieme alla proposta viene di solito consegnato al venditore un assegno per “bloccare l’affare” e per dimostrare la bontà delle intenzioni del potenziale acquirente. La proposta ovviamente impegna solo quest’ultimo fino al termine temporale indicato, il venditore, invece, viene impegnato solo nel momento in cui viene accettata in forma scritta. E’ consigliabile stabilire un tempo breve per la validità della proposta d’acquisto (ad esempio un mese), così da non rimanere vincolati troppo a lungo e non dare la possibilità al venditore di giocare al rialzo con altre persone interessate all’immobile. Se l’affare va a buon fine e non ci sono ripensamenti, le parti si incontrano per mettere a punto un preliminare di compravendita vero e proprio. Per non rischiare brutte sorprese, è meglio tutelarsi attraverso accorgimenti che permettano di non dare seguito all’acquisto e di recuperare i denari impegnati in mancanza di alcune condizioni. In particolare la proposta deve prevedere la regolarità di tutte le verifiche riguardanti la proprietà del bene e tutti gli aspetti urbanistici, catastali e condominiali e contenere la dicitura: “ALLA DATA DEL ROGITO L’IMMOBILE DOVRA’ ESSERE LIBERO DA PERSONE O COSE, ONERI REALI, VINCOLI, GRAVAMI, TRASCRIZIONI PREGIUDIZIEVOLI, IPOTECHE”. Le verifiche le farà poi il notaio, tuttavia è consigliabile procedere in autonomia a qualche controllo elementare, come ad esempio la corrispondenza tra la piantina catastale fornita e l’effettiva configurazione dell’immobile o la richiesta al venditore del certificato di agibilità e del regolamento condominiale. Quindi è bene rivolgersi ad un’agente immobiliare che segua la trattativa in tutte le sue fasi.

 

Compravendita immobiliare

Vendere e comprare casa nel 2022: perché conviene affidarsi agli ?

Chi vuole vendere o comprare casa nel 2022 deve necessariamente prendere atto che il mercato immobiliare è cambiato radicalmente negli ultimi anni.  Sono finiti i tempi in cui ci si rivolgeva ad agli agenti immobiliari che portavano dei potenziali clienti a visionare la casa e si doveva aspettare degli anni per riuscire a vendere un […]

Read More
General

Dimore Storiche e Lavori di Restauro, Alcuni Consigli per la Manutenzione

  Nel settore immobiliare c’è una nicchia piccola, ma estremamente importante nel nostro paese: le dimore storiche. In questo articolo capiamo cosa sono le dimore storiche e diamo qualche consiglio su come affrontare al meglio i lavori di restauro per trovare i giusti restauratori per ciascun tipo di intervento. Cosa sono le Dimore Storiche? La […]

Read More
General

Antiquariato, uno stile che si adatta a tutte le case

Basta fantasia, pennelli colori e qualche stencil e si possono davvero avere suppellettili unici di bellezza indescrivibile. Vediamo alcuni esempi e come adattarli. Gli specchi vintage, una risorsa per ogni stile Iniziamo il nostro viaggio nell’antiquariato con un pezzo d’arredamento presente in tutte le case, lo specchio. Qui pensiamo che trovare lo specchio giusto per […]

Read More