Montascale: un’istallazione che valorizza la casa

Con una popolazione che invecchia costantemente il nostro Paese oggi deve affrontare anche le problematiche che riguardano la disabilità. Invecchiando non necessariamente si diviene disabili, perciò è abbastanza comune mostrare limitata mobilità. In situazioni di questo genere raggiungere i piani alti di un’abitazione può essere particolarmente difficoltoso, anche per soggetti che nella loro quotidianità mostrano una “normale” propensione al movimento e all’attività. Oggi fortunatamente sono disponibili servoscale e montascale di varie dimensioni e modelli, a costi facilmente affrontabili da qualsiasi condominio o anche singolo, rendendo così un’abitazione comoda anche per chi ha problemi di disabilità o di ridotta mobilità.

Quanto costa un montascale
In commercio sono disponibili diversi modelli di montascale. L’installazione dell’uno o dell’altro dipende da una serie di fattori, correlati all’utilizzo che se ne intende fare e anche alle dimensioni dell’edificio. In situazioni abitative in cui il vano scale è particolarmente tortuoso o poco praticabile è possibile anche installare delle pedane nella zona esterna alla casa. Per avere una chiara idea della spesa è necessario richiedere un preventivo montascale, in modo che l’esperto del settore di indichi anche quale soluzione sia la migliore da sfruttare nello specifico contesto.

Diversi tipi di montascale
Il modello più “classico” di montascale è quello a poltroncina, che si collega al corrimano delle scale. Stiamo parlando di una piccola poltrona munita di un sistema di elevazione che le permette di percorrere, in modo totalmente motorizzato, un’intera rampa di scale trasportando una singola persona. La poltroncina è comoda e richiudibile, questo per garantire il minimo ingombro quando il montascale non viene utilizzato. I comandi sono disponibili in vari tipi, sia collegati direttamente alla poltroncina, sia su un comodo telecomando, quindi azionabili anche a distanza da un secondo soggetto.

Il montascale per chi è in carrozzina
Mentre un montascale a poltroncina è particolarmente pratico per chi ha una ridotta mobilità, in modo da facilitargli il movimento sulle zone impervie della casa, per chi è costretto a vivere su una sedia a rotelle sono oggi disponibili anche ausili diversi. Un esempio è il montascale a pedana; si tratta di una pedana che accoglie la sedia a rotelle, munita di barre laterali dove assicurarsi e di comandi per spostare verso l’alto o verso il basso la pedana lungo le scale. Questo tipo di installazione necessita di un certo spazio nel vano scale, in quanto le dimensioni della pedana sono strettamente correlate a quelle della sedia a rotelle. Quindi in spazi particolarmente angusti sarà necessario valutare altre soluzioni. Un esempio sono le pedane posizionate all’esterno della casa, che consentono di sollevare una sedia a rotelle dal piano terreno fino a un balcone posto ai piani superiori, o da un ballatoio ad uno posto in alto.

Ridurre i costi
I montascale a poltroncina e a pedana sono considerati ausili medici, quindi è possibile installarli approfittando di un’IVA agevolata al 4%. Inoltre esistono degli sgravi fiscali visto che li si può inserire nella propria dichiarazione dei redditi come spese mediche. La Legge di Stabilità inoltre garantisce la possibilità di recuperare il 50% delle spese sostenute per la riduzione delle barriere architettoniche.

Categorized: Apparecchiature casa

Tags:

Subscribe