Porte rapide, innovazione e tecnologia al servizio delle imprese

Una delle questioni più spinose e probabilmente sottovalutate che un imprenditore si trova ad affrontare nel corso della sua attività è quello della chiusura degli spazi. Una questione non da poco,  che esula dal mero dato estetico del capannone o dello stabilimento e ha invece a che fare con la logistica e la sicurezza: una chiusura efficace assicura isolamento termico, evita la dispersione di polveri o materiali volatili, garantisce comodità nell’apertura e rapidità nella chiusura. Inoltre offre la garanzia di una buona protezione contro scassi e furti: un aspetto particolarmente rilevante, visti i costi di macchinari e materiali che le imprese si trovano a dover mettere in campo, prendendosi rischi che se mal calcolati potrebbero arrecare notevoli danni all’attività.

La progettazione di porte industriali è un settore di nicchia nel quale il know how italiano ha saputo farsi spazio con affidabilità e qualità. In un periodo di difficile congiuntura economica, di crisi e soltanto timidissimi accenni di ripresa, l’avanguardia tecnologica applicata alle necessità delle piccole, medie e grandi imprese sta diventando un ambito sempre più forte: l’industria non chiede più soltanto quantità e abbassamento dei prezzi, ma inizia a pretendere livello, sviluppo e visione di futuro. Questo vale sia nella progettazione diretta industriale, sia in quei settori di contorno che possono incidere significativamente sulle prestazioni di un’attività.

Le chiusure industriali si inseriscono a pieno titolo in questo filone, specialmente se a progettarle sono realtà innovative e giovani, dinamiche, capaci di pensare con lungimiranza e interpretare le necessità del cliente invece che adagiarsi su schemi ormai obsoleti. Che si tratti di porte rapide, portoni a libro o sezionali, quello che viene richiesto è il mix perfettamente equilibrato tra funzionalità, qualità e – perché no – anche estetica, in un’ottica che non vede più nell’industria il luogo sporco e caotico del passato ma piuttosto un avamposto di tecnologia e sviluppo.

Un esempio? Si pensi al sistema della porte a impacchettamento rapido: innovazione da poco presente sul mercato, le porte rapide sono strutturate con un sistema di trascinamento del telo e impacchettamento tramite cinghie ad alta resistenza e si adattano a qualsiasi fabbricato. Sono inoltre concepite per un uso intensivo e necessitano di poca manutenzione e alta resistenza, il che le rende ottimali per qualsiasi esigenza di logistica industriale. Un sistema, questo, che può essere integrato da file di oblò per potenziare la visibilità e l’illuminazione dei locali, assicurando così una qualità elevata anche in termini di prestazioni.

A farsi portavoce delle esigenze del mercato in questo senso sono aziende giovani e dinamiche come la Trivellato Srl, che ha fatto della creatività progettuale e dell’affidabilità il suo cavallo di battaglia, unendolo ad un ottimo rapporto qualità-prezzo e all’attenzione al cliente anche nel post-vendita. Realtà come questa possono competere con i principali costruttori del mondo perché offrono prodotti di alto profilo qualitativo e si rivolgono ad utilizzatori che vanno dalle grandi realtà industriali alle piccole e medie imprese, proponendo soluzioni ad hoc per qualsiasi esigenza e prestando un’attenzione particolare anche alle nuove politiche energetiche. Aziende, quindi, che riprendono la professionalità del passato e la declinano perché possa rispondere alle sfide del futuro.

Categorized: Immobili commerciali

Tags:

Subscribe