Cappotto interno per isolamento termico: cos’è e quali sono i vantaggi

Molto spesso capita di sentire di persone finalmente soddisfatte perché hanno realizzato in casa dei lavori che isolano termicamente le pareti sia durante i mesi più caldi che nei freddi e rigidi inverni. A differenza del cosiddetto cappotto esterno, l’isolamento termico utilizzato esclusivamente da coloro che posseggono una villetta o comunque un appartamento di un solo piano lontano dai centri urbani, col cappotto interno è possibile ottenere ottimi risultati anche in case ubicate all’interno di palazzine, condomini ed altri tipi di strutture multilivello dove sarebbe praticamente impossibile procedere all’isolamento in altro modo per questioni burocratiche e soprattutto logistiche.

Ma in cosa consiste praticamente questo cappotto interno? L’isolamento termico realizzato con questa modalità permette, attraverso la posa in opera di uno strato sottile di malta e di appositi pannelli termo isolanti, di evitare che il caldo o il freddo provenienti dall’esterno raggiungano la parte interna dell’abitazione. In questo modo è possibile ottenere un concreto risparmio in termini di consumo elettrico (impianti di condizionamento) o di altro tipo (caloriferi vari utilizzati durante i mesi più freddi).

Oltre al notevole risparmio di denaro in bolletta, con la realizzazione di un cappotto interno nel proprio appartamento è possibile ridurre considerevolmente il livello di umidità della casa (con tutto ciò che ne consegue in termini di miglioramento della respirabilità dell’aria ed assenza di muffe dannose) ed evitare i cosiddetti ponti termici, vale a dire la differenza, anche alta, di temperatura tra una stanza e l’altra, tipica di appartamenti raffreddati o riscaldati con i classici caloriferi o sistemi di condizionamento.

A differenza del cappotto esterno, inoltre, col cappotto interno i costi di realizzazione del lavoro sono abbastanza contenuti. L’unico neo, se possibile, riguarda l’intero isolamento dell’abitazione, leggermente più difficile da realizzare lungo le pareti dove sono posizionati mobili o dietro i fornelli ed il lavabo in cucina e nel bagno.

Subscribe