L’umidità di risalita nei muri e la muffa: cause, soluzioni e rimedi

L’umidità di risalita provoca spesso dei problemi ai muri come la muffa, ma esistono dei rimedi per togliersela di torno definitivamente.

L’umidità di risalita è quel genere di umidità che va a salire sulle pareti, che la assorbono, tale umidità può salire di poco oppure arrivare sino al soffitto, questo fenomeno è dovuto alla risalita dell’acqua dal sottosuolo.

Si può riconoscerla senza grossi problemi, si vedono delle macchie di muffa sui muri nerastre orizzontali dentro o fuori casa, può anche succedere che gli intonaci mostrino dell’efflorescenza, oppure che cadano pezzi di intonaco. Per risolvere il problema dell’umidità di risalita e della muffa bisognerebbe porre dentro ai muri qualcosa che ne ostacoli la risalita, poi bisogna fare asciugare i muri e occuparsi dei sali rimasti sui muri.

Le metodologie d’azione

Le metodologie d’azione si riassumono in: barriera chimica, barriera meccanica e elettroosmosi.  Per stabilire la soluzione più adatta è consigliabile consultare un tecnico.

La barriera chimica consiste in “iniezioni” nei muri di particolari prodotti che fanno da sbarramento all’acqua. Questo sistema va bene per muri di mattoni.
Questa soluzione per quanto efficace presenta delle sfumature, innanzitutto sarebbe bene assicurarsi che la ditta di riferimento usi prodotti che si diffonderanno nei muri lentamente. Questo è un processo chimico che rimpiazza l’umidità e le muffe presente nei muri e che fungerà da repellente all’acqua. In seguito si toglierà l’intonaco “malato”. Per quanto strano possa sembrare segnaliamo che esistono dei kit che permettono di eseguire da soli quest’operazione senza ricorrere a ditte esterne.

Usare la barriera meccanica, detto semplicemente, consisterebbe nel “tagliare” orizzontalmente i muri portanti per inserirci una guaina oppure una lamina. Entrambe bloccano l’umidità e la seconda fornisce inoltre una maggiore stabilità a tutta la struttura. Anche in questo caso la procedura va effettuata su muri in mattone.  Ci sarebbe di più da dire ma dato che l’operazione verrà condotta da dei tecnici, si presume che costoro conoscano il loro lavoro.

Come si potrà immaginare facilmente anche questa attività deve essere  condotta da ditte di provata esperienza nel campo, dato che non è propriamente un’operazione di semplicità estrema, si usano dei macchinari specifici adatti al caso.

Abbiamo infine quella che viene chiamata elettroosmosi attiva che va bene per i muri interrati, e quelli fuori terra, per questa si usa un impianto ad elettroosmosi che pone sui muri due elettrodi a poli opposti e grazie a questi, l’acqua torna da dove proviene, ovvero a terra e non risale più. Questi elettrodi vengono controllati ed alimentati grazie ad una centralina specifica.

Anche per questa operazione si raccomanda di usare ditte di comprovata esperienza, dato che anche in questo caso l’esperienza e la competenza vogliono dire molto per eliminare l’umidità di risalita.

Subscribe