Immobiliare: accordo ABI-Agenzia del Territorio


Importante accordo ABIAgenzia del Territorio nel settore Immobiliare: obiettivo garantire più trasparenza e favorire la circolazione delle informazioni.

L’intesa prevede lo scambio di dati e studi e darà vita a un Tavolo tecnico chiamato ad approfondire le questioni
legate all’applicazione delle norme in materia catastale e ipotecaria
L’Agenzia del Territorio e l’ Associazione bancaria italiana hanno firmato oggi un accordo quadro
di collaborazione per lo scambio di dati e di studi relativi al settore immobiliare, al fine di
garantire massima trasparenza ed efficacia delle informazioni mettendo a disposizione degli utenti
un’offerta di servizi sempre più ampia e diversificata.
L’accordo ha una durata triennale e prevede la costituzione di un Tavolo tecnico paritetico che ha
come obiettivi di studio l’approfondimento delle tematiche connesse alle applicazioni della
normativa in materia catastale e ipotecaria, la progettazione e la realizzazione di attività di
formazione professionale e l’individuazione di azioni mirate a una migliore offerta di
informazioni, dati e servizi nel settore immobiliare.
La collaborazione tra l’Agenzia e l’Associazione bancaria porterà anche a un confronto sulle linee
guida operative dirette alla valutazione immobiliare e alla verifica del lavoro svolto dai rispettivi
Osservatori immobiliari per individuarne i limiti e le possibili estensioni.
“Sono convinta – afferma il Direttore dell’Agenzia del Territorio Gabriella Alemanno – che
questo prestigioso accordo di collaborazione sarà di grande supporto a tutte le attività
dell’Agenzia a favore dell’utenza professionale e privata sia in materia catastale che di pubblicità
immobiliare e contribuirà alla trasparenza e alla sicurezza del mercato immobiliare nazionale”.
“Un segnale concreto di collaborazione e impegno – ha così commentato la firma dell’accordo il
Direttore generale dell’ABI, Giovanni Sabatini – con l’obiettivo di innalzare i livelli di efficienza
del mercato italiano dei mutui immobiliari, che ha già dimostrato la propria solidità anche di
fronte alla grave crisi finanziaria attraversata. Valorizzarne ulteriormente il funzionamento
secondo i principi della libera concorrenza consentirà di accrescerne i vantaggi per cittadini e
imprese”.


Subscribe